Oscar all’impresa che innova. Il Cambiamento premia. Assegnato il riconoscimento della Cna. La creatività dei nostri artigiani non ha pari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il volto del pensiero innovativo è quello della Seares, la start up pisana che ha conquistato il premio Cambiamenti 2019. A sceglierla tra circa mille partecipanti una giuria di esperti presieduta da Agnese Pini, direttore del quotidiano La Nazione. Promosso dalla Cna, la maggiore confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa, e giunto alla quarta edizione, il Premio Cambiamenti è destinato alla start up dell’anno. Con lo scopo di sostenere imprese innovative, finanziando “le risorse migliori del Paese: le persone e le idee”.

I VINCITORI. Seares è nata solo un anno fa per sviluppare e trasformare in un prodotto industriale il brevetto internazionale relativo a un ammortizzatore idraulico con recupero di energia che rientra nella categoria della generazione di energia dalle onde. Dietro Seares a completare il podio un’impresa emiliana, la Radoff di Bologna, e una marchigiana, la To Be di Ascoli Piceno. Radoff produce Radoff Life, un sistema in grado di garantire allo stesso tempo monitoraggio e bonifica dal gas radon, causa ogni anno di oltre 20mila decessi nella sola Europa. To Be è impegnata nello sviluppo di prodotti e soluzioni Li-Fi, innovativa tecnologia che consente la trasmissione dei dati sfruttando la luce Led.

Nel corso della premiazione, tenuta ieri a Roma, sono intervenuti il ministro delle Politiche giovanili e dello Sport, Vincenzo Spadafora; il presidente nazionale della Cna, Daniele Vaccarino (nella foto); il segretario generale della Cna, Sergio Silvestrini e la direttrice Pini. Spadafora ha sottolineato di aver visto “un concentrato di coraggio e di creatività”. Vaccarino si è detto molto soddisfatto per “le tante imprese che rispondono al nostro premio. Qui non vincono solo le premiate o le finaliste ma tutte le imprese che hanno partecipato”. Per Silvestrini è stata “una giornata molto bella. Nella sala della premiazione si respira passione, voglia di rischiare. Si vede la parte positiva del nostro Paese, quel pezzo d’Italia che non è pigro”. A sua volta la presidente della giuria, Pini, ha osservato che è stato molto difficile selezionare i vincitori, viste le tante idee concrete, le tante start up che hanno presentato innovazioni ecocompatibili e concepite per migliorare la vita quotidiana delle persone.

Ormai diventato una specie di Oscar nazionale dell’innovazione per le piccole imprese, il Premio Cambiamenti rafforza lo spirito e il messaggio tipico della Cna ai suoi associati e più in generale a chi intraprende con spirito libero da prassi e condizionamenti, sposando le novità e battendo strade inconsuete per innovare e accrescere la competitività del Paese.