P4, prosciolto Papa. I reati contestati all’ex magistrato e parlamentare si sono prescritti in Appello. Era stato arrestato nel 2011 e condannato in primo grado

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Corte d’Appello di Napoli ha prosciolto, essendo intervenuta la prescrizione, l’ex magistrato ed ex parlamentare del Pdl, Alfonso Papa, dalle accuse relative alla cosiddetta inchiesta sulla P4. Papa, per il quale la Camera aveva autorizzato la custodia cautelare in carcere, era stato condannato in primo grado a 4 anni e 6 mesi di reclusione per alcuni dei reati contestati e assolto per altri. L’indagine era nata nel 2010 e culminata nell’estate del 2011 con l’arresto del parlamentare e di Luigi Bisignani, che poi aveva patteggiato.

Secondo la Procura di Napoli Papa aveva ottenuto regali e somme di denaro da alcuni imprenditori in cambio di informazioni riservate su inchieste giudiziarie che li coinvolgevano, promettendo anche favori. “Ritengo questa sentenza – ha commentato l’ex parlamentare – una vittoria della Giustizia. Nel 2011, quando chiesi alla Camera di non autorizzare l’arresto, dissi che avrei avuto bisogno di tempo per far emergere la verità. All’epoca i parlamentari, per mero calcolo e per interessi, con il voto determinante della Lega, mi mandarono arrestato per far cadere un governo, ma già la Cassazione e da ultimo la Corte di Appello di Napoli, avevano identificato i termini veri della questione”.