Pacco bomba destinato al Viminale disinnescato dagli artificieri della Polizia. Il plico trovato in un centro di smistamento delle Poste. Poteva esplodere e uccidere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gli artificieri della Polizia hanno disinnescato, a Roma, un pacco bomba destinato al Viminale. Il plico, secondo quanto riferisce l’edizione online di Leggo, era stato intercettato nell’ufficio smistamento delle Poste di via Ostiense a fine ottobre. Il pacco era indirizzato genericamente al ministero dell’Interno e, secondo quanto hanno confermato fonti della Polizia, poteva esplodere ed era in grado di uccidere. All’interno c’era un innesco con batterie collegato ad un contenitore con della polvere pirica. Sul fatto indagano gli investigatori della Digos di Roma e dall’Antiterrorismo, coordinati dalla Procura capitolina. Diversi elementi escludono un coinvolgimento di cellule anarco-insurrezionaliste.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA