Palazzo Koch col pollice verde. Otto milioni in giardinaggio. Visco fa le pulci al Governo ma per il suo giardino non bada a spese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Mentre il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, dispensa legittimamente consigli, sottolineando la necessità di un piano “ben costruito” per la crescita e una semplificazione che porti a una “buona burocrazia” non alla sua “cancellazione”, a Palazzo Koch in questi giorni le questioni su cui ci si sta concentrando sono tante e varie. E riguardano, ovviamente, in primo luogo gli effetti economici sul nostro Paese della pandemia da Covid-19. Alcuni uffici di Bankitalia, però, a breve si dovranno occupare anche di altro. E cioè di capire a chi affidare l’importante compito di badare alla manutenzione del verde in possesso di Bankitalia, magari anche suggerendo qualche pianta ornamentale per abbellire il tutto. A metà luglio, infatti, scadrà un bando di gara – pubblicato a fine aprile – riguardante proprio “l’affidamento del servizio di manutenzione delle aree verdi e di nolo/manutenzione di piante ornamentali nonché dei relativi servizi accessori per gli edifici della Banca d’Italia”.

Un compito non di secondaria importanza, a quanto pare. Anche perché l’importo stimato è di peso: 8 milioni 140mila euro per un appalto che ha una durata altrettanto vasta (48 mesi, 4 anni). Un bel gruzzoletto, specie – manco a dirlo – in un periodo complicato come quello attuale e sul quale la stessa Bankitalia dispensa giustamente consigli. La cosa interessante è che qualcuno, vista la mole dell’importo, potrebbe pensare che parliamo della gestione del verde in tutt’Italia. E invece nel bando si specifica che l’appalto avrà ad oggetto l’affidamento dei servizi già menzionati solo “presso gli stabili della Banca d’Italia siti in Roma e Frascati”. Nel dettaglio, la società vincitrice della gara dovrà occuparsi dell’attività di manutenzione ordinaria delle aree verdi; del servizio di nolo e manutenzione di piante ornamentali da interno; dell’attività “a richiesta” di nolo temporaneo di piante ornamentali e di manutenzione straordinaria. Magari – verrebbe da pensare – in occasione di qualche evento particolare.

UNA VESTE NUOVA. Non è questo, però, l’unico bando pubblicato nel corso delle ultime settimane da Palazzo Koch. Com’è giusto che sia, nel momento in cui si decide di rinnovare l’arredo esterno, è doveroso fornire anche nuove uniformi ai dipendenti. Ed ecco il bando, sempre della durata di 48 mesi, per la “fornitura di abiti uniformi e capi di vestiario” per il personale. Il valore dell’appalto, Iva esclusa, è pari a 139mila euro. Ma andiamo a vedere come Palazzo Koch intende vestire i suoi uomini e le sue donne: si prevede di dotarsi di 120 abiti uniformi estivi di colore blu “composti da una giacca (a tre bottoni) e due pantaloni o gonne”, mentre per chi ha mansioni di autista il colore sarà grigio; 80 abiti uniformi estivi, anche questi di colore grigio, per il personale operaio dell’Amministrazione centrale; altri 200 abiti (questa volta invernali; e poi ancora: 240 cappotti, 940 pullover, 1.200 camicie di varia natura e 400 cravatte.

Forse, però, il bando più curioso è quello relativo ai corsi che Bankitalia ha intenzione di avviare. E vuole farlo con tutti i crismi del caso, tanto da essere disposta a spendere oltre 4 milioni di euro. Questa volta sono tre i lotti indicati. L’idea, infatti, è quella di offrire servizi di formazione “comportamentale”, “manageriale” e di “coaching” per tutto il personale. In questo modo – si spera a Palazzo Koch – ogni dipendente riuscirà a tirare fuori il meglio di sé e tutte le sue potenzialità ancora nascoste. Con tanto di uniforme nuova, mentre ammira piante ornamentali e giardini con l’erba tagliata al punto giusto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA