Bergoglio in Palestina tra appelli e fuori programma

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Papa Francesco è in Palestina, seconda tappa del suo viaggio in Terra Santa.

Secondo Ansa.it è ‘ arrivato sulla “papamobile” aperta alla Piazza della Mangiatoia di Betlemme dove celebra la messa. Il Pontefice è stato accolto con grande entusiasmo della folla, anche con grida “Viva il Papa” in italiano, tra canti, palloncini colorati e sventolii di bandiere. La piazza e una parte dell’attiguo piazzale della Basilica della Natività possono contenere circa novemila persone. Sono presenti anche fedeli provenienti dalla Strisca di Gaza e dalla Galilea (Israele), nonché alcune centinaia di lavoratori migranti dall’Asia. Moltissime le etnie e le nazionalità dei pellegrini: palestinesi, israeliani, indiani, filippini, polacchi e un nutrito numero di italiani.

Per le autorità palestinesi, incontrate nel Palazzo presidenziale di Betlemme, papa Francesco ha invocato “la forza necessarie a portare avanti il coraggioso cammino della pace, in modo che le spade si trasformino in aratri e questa Terra possa tornare a fiorire nella prosperità e nella concordia”. “Salam!”, è stato quindi il suo saluto.

La situazione di conflitto tra israeliani e palestinesi “diventa sempre più inaccettabile”, dice il Papa, ed “è giunto il momento” di avere “il coraggio della pace, che poggia sul riconoscimento da parte di tutti del diritto di due Stati ad esistere e a godere di pace e sicurezza entro confini internazionalmente riconosciuti”.

“Il Medio Oriente da decenni vive le drammatiche conseguenze del protrarsi di un conflitto che ha prodotto tante ferite difficili da rimarginare e, anche quando fortunatamente non divampa la violenza, l’incertezza della situazione e l’incomprensione tra le parti producono insicurezza, diritti negati, isolamento ed esodo di intere comunità, divisioni, carenze e sofferenze di ogni tipo”, ha detto papa Francesco durante l’incontro con le autorità palestinesi e col presidente Abu Mazen nel Palazzo presidenziale di Betlemme. “Nel manifestare la mia vicinanza a quanti soffrono maggiormente le conseguenze di tale conflitto, vorrei dire dal profondo del mio cuore che è ora di porre fine a questa situazione, che diventa sempre più inaccettabile, e ciò per il bene di tutti”, ha proseguito. “Si raddoppino dunque gli sforzi e le iniziative volte a creare le condizioni di una pace stabile, basata sulla giustizia, sul riconoscimento dei diritti di ciascuno e sulla reciproca sicurezza”, è stato l’appello del Pontefice. “È giunto il momento per tutti – ha aggiunto – di avere il coraggio della generosità e della creatività al servizio del bene, il coraggio della pace, che poggia sul riconoscimento da parte di tutti del diritto di due Stati ad esistere e a godere di pace e sicurezza entro confini internazionalmente riconosciuti”.