Pappati più di due miliardi a tavola. Il Natale è un grande affare, volano i consumi di pesce e dolci

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un grande giro economico. Il Natale, come sempre, è un ottimo volano per il settore alimentare. In questo 2016 la spesa complessiva è stata di 2,3 miliardi di euro tra cibo e bevande. La Coldiretti ha raccolto i dati, stimando un aumento del business del 5%. Come tradizione le famiglie hanno scelto la cucina in casa: solo il 10% ha optato per i ristoranti. Sulle tavole sono sostanzialmente spariti i cibi esotici e fuori stagione. Hanno trionfato piatti come il bollito, i polli arrosto, i cappelletti in brodo, le pizze rustiche e i dolci fatti in casa.

Al di là del ritorno alle radici culinarie, c’è l’aspetto economico: il comparto ittico ha tratto maggiori benefici. “La maggioranza delle tavole sono state imbandite con menù a base di prodotti o ingredienti nazionali con una spesa stimata 800 milioni di euro per pesce e le carni compresi i salumi, 400 milioni di euro per spumante, vino ed altre bevande, 300 milioni di euro per dolci con gli immancabili panettone, pandoro e panetteria, 400 milioni di euro per ortaggi, conserve, frutta fresca e secca, 200 per pasta e pane e 100 milioni di euro per formaggi e uova”, ha spiegato la Coldiretti

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA