Parla Monti: senza di me e Scelta Civica ora al Colle ci sarebbe Berlusconi. Per il dopo Napolitano vedrei bene sia Prodi che Draghi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Torna a parlare il professore Mario Monti. e lo fa illustrando i possibili scenari che sarebbero potuti esserci nella politica italiana. ”Se non avessi presentato Scelta Civica alle elezioni del febbraio 2013, forse molti penserebbero a me ”come successore di Giorgio Napolitano. ”Ma c’è un piccolo particolare: oggi non ci sarebbe da eleggere un Presidente della Repubblica, perché nell’aprile 2013, senza Sc, in Parlamento ci sarebbe stata una maggioranza sufficiente a eleggere un nuovo Presidente. Un esponente del centro-destra sarebbe stato eletto Capo dello Stato (verosimilmente il senatore Berlusconi) e un altro suo esponente sarebbe diventato capo del governo”. Cosi’ l’ex premier Mario Monti in un’intervista alla Stampa. ”Romano Prodi e Mario Draghi mi pare siano due potenziali candidati di prima grandezza”, dice Monti, secondo cui ”al Quirinale deve esserci una personalità nella quale gli italiani riconoscano il meglio di sé, della quale siano fieri. E che il mondo,ma soprattutto l’Europa, vedano come un interlocutore affidabile, autorevole e impegnativo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA