Partita da Odessa la prima nave carica di grano

Le truppe russe, secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, stanno preparando una nuova offensiva nel Sud.

È partita questa mattina, dal porto ucraino di Odessa, la prima nave carica di grano. A riferirlo è stata l’agenzia russa Tass che cita la Cnn turca. La notizia è stata confermata dal ministero della Difesa turco in una nota: “La partenza della nave mercantile Razoni, battente bandiera della Sierra Leone e carica di mais, lascerà il porto di Odessa diretta in Libano”, ha affermato il ministero, aggiungendo che ora seguiranno altri convogli “lungo i corridoi (marittimi) perché le “procedure sono terminate”.

Partita da Odessa la prima nave carica di grano

Proseguono i bombardamenti russi. Colpita la città di Mykolaiv

Kiev, intanto, ha denunciato pesanti e “brutali” bombardamenti da parte di Mosca sulla città meridionale di Mykolaiv. Si tratterebbe di una ritorsione russa dopo l’attacco di un drone al quartier generale della flotta del Mar Nero a Sebastopoli. Nei bombardamenti russi è rimasto ucciso il magnate del grano ucraino, Oleksiy Vadatursky, 74 anni.

Le bombe e i razzi russi hanno ucciso almeno due civili. Mykolaiv è la città ucraina più vicina al fronte meridionale, dove le forze di Kiev stanno cercando di lanciare una controffensiva per riconquistare il territorio perso dopo l’invasione russa di febbraio.

“Oggi è avvenuto uno dei bombardamenti più brutali su Mykolaiv durante l’intero periodo della guerra”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un discorso. “Voglio ringraziare tutti i residenti di Mykolaiv per la loro indomabilità. In questa fase della guerra, il terrore è l’arma principale della Russia”.

“Stanno aumentando il numero delle loro truppe – ha aggiunto Zelensky -, si stanno preparando per la nostra controffensiva nel sud dell’Ucraina e forse si stanno preparando a lanciare un’offensiva tutta loro. Il sud è fondamentale per loro, soprattutto per via della Crimea”.

Zelensky: “Strategicamente, la Russia non ha alcuna possibilità di vincere questa guerra”

“Ora l’esercito russo sta cercando di rafforzare le sue posizioni nelle aree occupate del sud del nostro Paese, aumentando l’attività nelle aree interessate”, ha affermato ancora il presidente ucraino aggiungendo che “strategicamente, la Russia non ha alcuna possibilità di vincere questa guerra”.

Oltre 300 i dispersi nella regione di Kiev dall’inizio del conflitto

Circa 300 persone sono considerate disperse a causa delle ostilità nella regione di Kiev, mentre 216 corpi già rinvenuti devono ancora essere identificati. Ad annunciarlo è stato il capo del dipartimento di polizia della regione di Kiev, Andriy Niebytov. “Sono stati prelevati dei campioni di Dna. Spero che grazie alla collaborazione con i familiari saremo in grado di identificare questi corpi”, ha precisato Niebytov aggiungendo che la Polizia, mentre documentava i crimini di guerra commessi dai russi, ha scoperto che molti residenti locali sono attualmente detenuti in Bielorussia.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 08:08
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram