Partiti dal Kosovo 350 terroristi arruolati dall’Isis. Il generale Risi alle Camere: la piaga dei foreign fighters non è finita

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sul fronte terrorismo islamico, che nelle ultime settimane è tornato a seminare paure e lutti in Europa, un territorio delicato è il Kosovo. Vicina all’Italia e al cuore del vecchio continente, la Repubblica autoproclamatasi indipendente dalla Serbia 12 anni fa, è stata un serbatoio di risorse umane per l’Isis. A denunciarlo, audito ieri dalle commissioni riunite esteri e difesa di Camera e Senato, è stato il generale di divisione Michele Risi, comandante della Forza multinazionale Nato in Kosovo. E proprio ieri con Pristina la ministra dell’interno Luciana Lamorgese ha stretto un accordo per la lotta al terrorismo e al crimine.

Il generale Risi ha precisato che, con il contributo dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni, la Forza multinazionale sta svolgendo un programma di recupero e reintegrazione definito ambizioso a favore dei combattenti affiliatisi all’Isis e delle loro famiglie, di ritorno da Siria ed Iraq. L’ufficiale ha quindi aggiunto che sono oltre 350 i foreign fighters partiti dal Kosovo tra il 2012 e il 2016. “Il nostro ruolo – ha sottolineato – consiste nel contribuire ai progetti di reintegrazione e al monitoraggio di situazioni di emarginazione sociale per un fenomeno che può avere risvolti sulla sicurezza di tutti i Paesi aderenti al Kfor”.

Una missione a cui attualmente l’Italia contribuisce con circa 580 militari delle varie forze armate su un contingente di 3.500 militari e di 27 nazioni, importante dunque anche per evitare che il terrorismo possa continuare a insanguinare le città europee. L’Italia ricopre inoltre la posizione di comandante delle forze ininterrottamente da 8 anni e continuerà a farlo con il successore di Risi, il generale Franco Federici, a partire dal 16 novembre.

Ieri inoltre la ministra dell’interno Luciana Lamorgese ha incontrato al Viminale il suo omologo kosovaro, Agim Veliu, con il quale ha sottoscritto un accordo bilaterale finalizzato a rafforzare la collaborazione di polizia nella lotta contro il terrorismo, la criminalità organizzata transnazionale, il traffico di droga e di armi, la tratta di persone e il traffico illecito di migranti. Il nuovo accordo consentirà, come hanno assicurato i due ministri, di rendere strutturale la circolazione di informazioni, lo scambio di esperti e la programmazione di attività addestrativa. “il terrorismo internazionale rappresenta la nostra maggiore sfida”, ha specificato la Lamorgese.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA