Per il Diavolo i conti sono in rosso

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Andrea Montanari per Milano Finanza

E’ un Milan più in rosso che in nero quello che domani chiamerà a raccolta i propri azionisti (pochissimi piccoli azionisti che affiancano storicamente la holding Fininvest che detiene oltre il 99%) per approvare i conti del 2013.
Perché domani pomeriggio i vertici del club, ovvero Barbara Berlusconi e Adriano Galliani chiederanno il voto favorevole a un documento contabile che presenterà una perdita, a livello consolidato, vicina ai 15 milioni, più alta rispetto al dato atteso finora dal mercato (7-8 milioni).

Ma quel che preoccupa di più sono le aspettative per l’esercizio in corso che si chiuderà, secondo le fondi di mercato interpellate da milanofinanza.it, con un rosso decisamente superiore a quello dello scorso anno. E anche se la cifra attualmente non è quantificabile c’è chi ipotizza che possa essere di diverse decine di milioni. Un dato elevato ma lontano dai buchi del 2011 (-67,3 milioni) e del 2010 (-69,7 milioni).

A pesare sui conti del 2014, oltre ai possibili minori introiti relativi ai diritti televisivi per la partecipazione alla Champions League (valgono tra 25 e 30 milioni), saranno anche i costi per le nuove politiche di marketing volute e attuate da Barbara Berlusconi e anche le spese di gestione per la nuova sede del club rossonero, al Portello di Milano.

E’ inevitabile che, come già anticipato da MF-Milano Finanza, l’azionista Fininvest intervenga nei prossimi mesi per coprire le perdite del Milan mettendo a disposizione una somma che può arrivare anche a 45-50 milioni.  Anche se va detto che l’iniezione di liquidità dalla holding di via Paleocapa dipenderà in maniera significativa dalle politiche di mercato e  commerciali che il club intenderà attuare in questi mesi.

E se i manager della squadra dovessero decidere di privarsi di qualche stella della rosa, in particolare Mario Balotelli, tutt’oggi il pezzo pregiato del club, i numeri di bilancio dovrebbero cambiare decisamente e virare al positivo, permettendo così a Fininvest di intervenire in maniera limitata.