Per Olena Zelenska i russi sono capaci di tutto

Olena Zelenska al Guardian: "Non potevo credere che sarebbe successo. Non avevo nemmeno il passaporto pronto".

“Quando vedi i loro crimini, forse sono davvero capaci di tutto”. È quanto ha detto la first lady ucraina, Olena Zelenska, rispondendo a una domanda del Guardian sul fatto di essere l’obiettivo numero due della Russia. “Ho la sensazione di trovarmi in una realtà parallela”, ha affermato al moglie di Volodymyr Zelensky.

Per Olena Zelenska i russi sono capaci di tutto

Olena Zelenska al Guardian: “Non potevo credere che sarebbe successo. Non avevo nemmeno il passaporto pronto”

“Onestamente? No. Non potevo credere che sarebbe successo. Non avevo nemmeno il passaporto pronto”, dice nell’intervista al Guardian la first lady ucraina Olena Zelenska parlando della notte dell’inizio dell’invasione russa.

“Avevo la sensazione di essere dentro una realtà parallela, come stessi sognando”, “una sensazione surreale… come se stessi giocando a un gioco per computer e dovessi superare determinati livelli per ritrovarmi a casa. Ma stavo anche tenendo tutto insieme, e ho avuto questo strano sorriso sulla faccia tutto il giorno, perché stavo cercando di non mostrare il panico ai bambini. Abbiamo solo seguito gli ordini della sicurezza, siamo andati dove ci era stato detto”, ha spiegato Olena Zelenska a tre mesi dall’inizio dell’invasione.

Dopo aver ricevuto brevi istruzioni dal marito, il presidente Volodymyr Zelensky, ha raccontato di essere rimasta sola e di essere andata a controllare i due figli, Kyrylo di nove anni e Oleksandra di 17 anni. Erano già svegli e vestiti, e sembravano capire cosa stesse succedendo, ha spiegato al Guardian. Soltanto la sera di quel 24 febbraio ha potuto rivedere suo marito, brevemente, ma la first lady ancora oggi non ha svelato dove avvenne l’incontro.

Zelenska venne trasferita in un luogo sicuro e in quei giorni ha temuto di non rivedere più il marito. Ora Zelenska è rientrata a Kiev, ma “è tutt’altro che certa che la famiglia del presidente non sia più un bersaglio per i russi: ‘Quando vedi i crimini spaventosi che hanno commesso, pensi che forse sono davvero capaci di tutto'”, ha aggiunto al Guardian.

Dopo tante settimane di lontananza, con Zelensky “ci siamo abbracciati, ci siamo salutati e ci siamo chiesti come stavamo. I bambini erano qui e si sono aggrappati a lui per un po’ di tempo. Ora possiamo vederci e loro possono toccare fisicamente il loro papà, questo rende le cose un po’ più facili”.

Nelle ultime settimane, Zelenska ha parlato spesso con alcuni dei contatti che aveva avuto nella prima fase della presidenza, così come con altre first lady. È apparsa per la prima volta in pubblico, 10 settimane dopo l’inizio della guerra, per incontrare Jill Biden, e la coppia ha visitato una scuola nell’estremo ovest dell’Ucraina: “È stato coraggioso da parte sua venire. Era estremamente empatica e molto interessata alle storie che le persone avevano da raccontare”.

Poi ha sentito Brigitte Macron al telefono, si è offerta di aiutare a ricostruire una scuola. Una videochiamata con la regina Matilde del Belgio, che è anche professoressa di psicologia e ha dato alcuni consigli sui programmi di riabilitazione. “Ogni ucraino è sottoposto a un enorme carico psicologico ora”, ha sottolineato Zelenska.

“Metà della nostra popolazione vive separata dalle proprie famiglie. Naturalmente, la maggior parte di noi non ha mai vissuto prima in queste condizioni”. Per ora, l’obiettivo è battere i russi, ma quando la guerra sarà finita, ci sarà bisogno di un grande programma per guarire la nazione. “Nessuno ha bisogno di un Paese che abbia vinto, che abbia combattuto per il proprio territorio, ma che sia popolato da persone che non possono vivere, funzionare o allevare i propri figli normalmente. Ci sono grandi pericoli davanti a noi”.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 11:06
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram