Piazza Affari -1,33%, pesa lo stacco di cedola

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chiusura in calo per Piazza Affari che  ha archiviato la seduta in calo dell’1,33% a 21.694 punti,
Lo spread tra Btp e Bund si è ristretto a 158 punti base dai 161 centesimi dell’apertura e il rendimento del decennale domestico è sceso al 2,90%. I dati positivi giunti da Oltreoceano non hanno comunque compensato le perdite legate alle tensioni geopolitiche in Iraq e nel resto d’Europa, Francoforte ha perso lo 0,66%, Parigi lo 0,57%, Londra lo 0,36% e Madrid lo 0,33%, mentre il cross euro/dollaro è a quota 1,3591.

Bper ha chiuso il primo giorno dell’aumento di capitale da 750 milioni di euro (che terminerà il 18 luglio) in calo del 2,55% a 6,505 euro, mentre i diritti relativi all’aumento hanno perso il 9,89% a 0,606 euro. Mps ha iniziato male la terza ed ultima settimana di aumento di capitale da 5 miliardi (oggi è stato il primo giorno di esercizio dei diritti) e dopo un avvio turbolento, con il titolo che non riusciva a fare prezzo per eccesso di ribasso, ha perso l’1,19% a 2,158 euro.

Nel resto del comparto, Banco Popolare ha lasciato sul terreno il 2,87%, Unicredit l’1,66%,Intesa Sanpaolo l’1,52%, Ubi Banca l’1,18%, Bpm lo 0,9% e Mediobanca lo 0,46%. L’unico tra i titoli ad elevata capitalizzazione che ha registrato una buona performance è stato Finmeccanica (+2,45%), spinto dalle ultime indiscrezioni secondo cui la controllata AnsaldoBreda sarebbe finita nel mirino dei francesi di Thales

Mediaset ha perso il 2,35% a 3,402 euro penalizzata dall’incertezza sul futuro del business della pay tv e sull’esito dell’asta per i diritti della Serie A relativi ai campionati di calcio 2015/2018.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA