Piazza Affari, il rosso continua. L’incertezza sul prezzo del petrolio e le banche trascinano giù tutti i listini europei

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’incertezza regna sovrana sui mercati. E anche in Piazza Affari dove restano incerti i valori con il Ftse Mib che cambia continuamente direzione.  Sotto pressione i titoli dei bancari con Mps (-2,2%) e le due popolari in predicato di fusione: Banco Popolare (-3,77%) e Bpm (-1,95%). Pesanti anche Ubi Banca (-1,4%) e UniCredit (-1,12%) con quest’ultima che oggi riunisce i comitati in vista dei conti. Segno meno anche per Fca (-1%), protagonista di una sospensione al ribasso in avvio di seduta.

E’ il prezzo del petrolio, sotto i 30 dollari al barile, a far regnare l’incertezza sui mercati azionari.  La Borsa di Francoforte ha aperto in deciso calo con il Dax che perde l’1% a 9.475 punti. Apertura debole per la Borsa di Parigi con il Cac 40 che cede lo 0,66% a 4.254 punti. La Borsa di Londra è partita in calo con il Ftse 100 che cede lo 0,65% a a 5.888 punti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA