Piazza Affari senza spunti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Di Carola Olmi

Chiusura senza una direzione precisa per i listini europei ieri in una giornata priva di spunti significativi sui mercati. Londra, Parigi e Francoforte hanno terminato la seduta poco sopra la parità mentre a Milano hanno prevalso le vendite con il Ftse Mib in calo dello 0,2% e il Ftse All Share dello 0,18%. Pesante St (-5,94%) che ha pagato le indicazioni sulle prospettive nel terzo trimestre sotto le attese. Acquisti, invece, su Buzzi Unicem (+3,09%) grazie a un report positivo di Equita che esclude un impatto negativo sui conti trimestrali dalle tensioni in Russia. Bene le banche con lo spread sotto i 160 punti base: Unicredit ha guadagnato l’1,73%, Ubi l’1,51% e Banco Popolare l’1,36%.

Buzzi cresce
In una giornata priva di dati macroeconomici significativi provenienti dagli Stati Uniti i listini europei sono rimasti piatti per quasi tutta la seduta e l’avvio senza spunti di Wall Street ha rafforzato questo orientamento. Londra ha chiuso a +0,04%, Parigi a +0,16% e Francoforte a +0,2%. A Milano, dietro Buzzi Unicem e la pattuglia delle banche, si è posizionata Yoox con un +0,38%. Chiusura positiva anche per Generali (+0,26%) ed Eni (+0,1%). L’incertezza sulle prospettive economiche, invece, ha suggerito agli operatori di vendere alcuni industriali come Cnh (-2%) e Prysmian (-1,8%). Debole anche Bper (-1,47%) che ha fatto eccezione fra i bancari nel giorno in cui ha completato la vendita in Borsa dei diritti rimasti invenduti dell’aumento di capitale. Atlantia ha chiuso in calo dell’1,47% e A2a dell’1,33%. Prese di beneficio su Saipem (-1,15%) che aveva corso molto martedì scorso mettendo a segno un rialzo superiore al 4%. Vendite generalizzate, poi, sul settore del lusso a partire da Tod’s (-1,32%) e Ferragamo (-1,23%). Da segnalare, infine, Telecom che ha ceduto lo 0,63% sulle indiscrezioni riportate da Il Sole 24 Ore secondo cui la società potrebbe riaprire il dossier Brasile puntando a una fusione di Tim Brasil con Gvt.

Amplifon, conti a posto
Fra i titoli a minore capitalizzazione, bene Amplifon (+6,07%) nel giorno della pubblicazione dei conti semestrali chiusi con un utile netto di 22,6 milioni, in forte crescita rispetto ai 4,3 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. I risultati della prima parte dell’anno hanno sospinto anche L’Espresso (+4,83%).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA