Piccole correzioni in Manovra. Ma il Governo tira dritto. Salvini avverte: “Me ne frego delle minacce europee”. E intanto lo spread frena

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Secondo alcune indiscrezioni che circolano nei palazzi della politica l’esecutivo gialloverde potrebbe limare gli obiettivi per il 2020 e 2021 rispettivamente al 2,2 e al 2%, dal 2,4% previsto inizialmente per tutto il triennio. Nel frattempo questa mattina la Borsa ha fatto segnare qualche segnale di ripresa con lo spread che è sceso sotto quota 300 dopo l’impennata di ieri.

In attesa delle cifre ufficiali, però, il vicepremier Matteo Salvini ha fatto capire all’Europa che non c’è nessuna voglia di arretrare: “Abbiamo sempre detto che avremmo fatto una manovra coraggiosa anche se in Europa ci bacchettano… queste minacce non mi sfiorano e come D’Annunzio dico: me ne frego, tiriamo dritto e rispondiamo solo agli italiani”.

Intervenendo a Mattino Cinque Salvini ha risposto anche a chi prevede dietrofront: “Tanti giornali non sanno come riempire le loro pagine. Noi abbiamo sempre detto che avremmo fatto una manovra coraggiosa, le minacce non mi sfiorano, è chiaro che noi puntiamo al fatto che negli anni futuri il debito e il deficit scenderanno. Quest’anno volevamo mantenere almeno una parte dei sacri impegni presi con gli italiani”.