Il Pirellone se ne frega del processo sui milioni spariti della Lega. La Regione non si è costituita parte civile contro i fiscalisti del Carroccio

Lega Di Rubba
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si è appena aperto ma già fa discutere il processo, celebrato con il rito abbreviato, nei confronti di Alberto Di Rubba (nella foto) e Andrea Manzoni in relazione al caso della compravendita gonfiata di un immobile a Cormano. Nell’udienza di ieri con cui si è aperto il procedimento davanti al gup Guido Salvini, si sono costituite parti civili il Comune di Milano e la Lombardia Film Commission che chiedono il risarcimento dei danni che avrebbero subito a seguito della condotta dei due commercialisti della Lega.

A far rumore, però, è che il Pirellone non ha fatto una scelta analoga nonostante la Procura di Milano, guidata dal procuratore Francesco Greco, sostiene che l’acquisto incriminato è stato effettuato con soldi pubblici che poi sono finiti nelle tasche degli imputati. “Il Comune di Milano e Lombardia Film Commission hanno quantificato in centinaia di migliaia di euro le proprie richieste danni, mentre Regione Lombardia tace” sottolinea il capogruppo del Movimento 5 Stelle in Regione Lombardia, Massimo De Rosa, prima di affondare il colpo: “Alla luce dei fatti, delle denunce e di quanto emerso finora il silenzio di Regione Lombardia su questa vicenda è assordante”.

“Viene difficile pensare che chi ha il compito di gestire le risorse pubbliche di questa Regione, possa non rivolgere le proprie attenzioni all’esito del procedimento a carico dei revisori contabili vicini alla Lega Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni” sottolinea il grillino.

Il Comune di Milano nel suo atto di costituzione ha quantificato i danni in 117 mila euro (80 mila di risarcimento patrimoniale e 37 mila non patrimoniale), mentre la Lombardia Film Commission non ha ancora quantificato il danno ma comunque ammonterebbero a diverse centinaia di migliaia di euro. Il giudice ha poi rinviato il processo al prossimo 4 maggio, giorno dedicato alle discussioni delle parti. La sentenza dovrebbe arrivare entro la fine di maggio.

Leggi anche: Inchiesta sui fiscalisti della Lega. Dal Carroccio soldi a Di Rubba & Co. L’ultima informativa della Finanza inguaia Via Bellerio. Spuntano operazioni sospette per migliaia di euro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA