Pisapia e Marino compagni di Giochi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Prevale il buon senso tra Roma e Milano, le due città in lizza per ospitare i Giochi Olimpici del 2024. Fino ad ora, però, sembrava prevalere soprattutto una sensazione di sfida tra le due città che hanno mostrato, dopo un iniziale momento di diffidenza, di aspirare entrambe a un riconoscimento come questo. Ma ora la situazione sembra essere cambiata. Dopo il passo indietro di Milano che aveva congelato la sua candidatura – decisivo il lungo colloquio tra il sindaco Giuliano Pisapia e il governatore lombardo Roberto Maroni – la questione sarà affrontata nell’incontro del 3 ottobre a Roma, durante il quale il numero uno dello sport italiano discuterà con i diversi interlocutori. In questa prima fase in cui si sta valutando se il capoluogo lombardo abbia davvero le potenzialità per affrontare un compito così impegnativo come l’organizzazione di una manifestazione come le Olimpiadi che catalizza l’interesse di tutto il mondo, infatti, è stato soprattutto il Maroni a mostrarsi il più interessato, con il sostegno dell’assessore allo Sport Antonio Rossi che ha vinto medaglie nel corso della sua carriera, e sarà quindi proprio questo il tema dell’incontro che si terrà domani tra il leghista e Malagò.

Segnali di distensione sono però arrivati anche dal sindaco della capitale Marino, che ha sottolineato come in un periodo come questo sia importante incentrare il tutto sulla collaborazione tra le due città che potrebbe portare a un’azione a beneficio di due metropoli importanti come Milano e Roma. Mentre è polemico Gianni Alemanno. “È una situazione squilibrata”, ha sottolineato l’ex sindaco della Capitale, “che richiede di essere corretta con la presenza anche del presidente della Regione Lazio: mi auguro quindi che Zingaretti si faccia immediatamente avanti per partecipare a questo incontro”.

Oltre al monito rivolto a Zingaretti, Alemanno ha chiamato in causa l’ex presidente della Lombardia, Roberto Formigoni: “Quando rinunciammo a svolgere il Gran Premio di Formula 1 a Roma per non fare concorrenza al GP di Monza, si impegnò pubblicamente a sostenere la Capitale come candidata a sede olimpica. In attesa del vertice del prossimo 3 ottobre il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti: «Rimango perplesso di fronte alla notizia che il presidente del Coni Giovanni Malagò incontrerà il sindaco Ignazio Marino insieme al sindaco di Milano Giuliano Pisapia e al presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni. Mi auguro, pertanto – ha ribadito – che si eviti un inutile derby tra Roma e Milano che farebbe perdere tempo e possibilità di successo alla nostra nazione».