Pistorius condannato ma graziato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Oscar Pistorius è colpevole di omicidio colposo della fidanzata Reeva. Secondo i giudici però l’omicidio, nella notte di San Valentiono del 2013, non è stato volontario. Così ha deciso il giudice Masipa motivando la sentenza in questo modo: “Le evidenze raccolte dimostrano che ha agito negligentemente. Una persona ragionevole avrebbe dovuto prevedere che sparare ad una persona dietro ad una porta avrebbe potuto causare danno o ucciderla”.

L’atleta è stato condannato anche per spari in luogo pubblico, in merito ad un episodio di gennaio 2013 quando all’interno di un ristorante di Johannesburg, aveva sparato un colpo a suo dire involontariamente. Proscioltoper porto illegale di munizioni trovate nella sua casa. Rischia fino ad un massimo di 15 anni. Fissata al 13 ottobre l’udienza per stabilire la pena, fino a quel giorno per l’atleta libertà su cauzione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA