Pizzarotti boccia la campagna per il referendum: “Troppi slogan, anche da parte dei miei colleghi sindaci”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Niente toni urlati e niente slogan. Il sindaco di Parma, l’ex M5s Federico Pizzarotti, sul referendum ha scelto un’altra strada. Pur avendo espresso chiaramente quale sarà la sua posizione il 4 dicembre, un No convinto ai quesiti referendari, infatti, ha deciso di “non strumentalizzare l’appuntamento”. “A me – ha detto a La Notizia – questa campagna non è piaciuta. Né a livello nazionale e né a livello locale. Rispetto a tanti miei colleghi schierati per il Sì e per il No ho scelto una chiave diversa”.

Quale?
Ho invitato tutti a riflettere e a informarsi. Perché credo che un sindaco debba rappresentare sempre l’intera comunità. Senza tifo spinto e promesse ottimistiche.

La sindaca Raggi è stata criticata per una mozione sulla riforma Boschi discussa ieri in Campidoglio. Anche a Parma, però, nei mesi scorsi, ne è stata approvata una.
Ha detto bene: nei mesi scorsi. E cioè quando ancora di referendum non parlava nessuno. Non così a ridosso del voto. E soprattutto senza scopi propagandistici ma solo informativi.

Sempre in casa Cinque stelle, che effetto le ha fatto la scelta dei probiviri e la successiva sospensione dei parlamentari siciliani sulla vicenda delle presunte firme false?
Il Movimento ci ha abituato da tempo al doppiopesismo. Ormai non ci faccio più caso e neanche mi interessa. C’è, però, un altro aspetto da evidenziare.

Quale?
Sulla vicenda del Regio di Parma, poi archiviata, io andai dal pm a spiegare ogni cosa per oltre due ore. A Palermo alcuni parlamentari si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Generando così il sospetto che abbiano qualche cosa da nascondere.

Il deputato Nuti, tra l’altro, è stato un suo accusatore.
Molti si sono autoproclamati giudici e oggi si trovano in condizioni non proprio facili. D’altronde io l’ho sempre detto: c’è sempre qualcuno più puro di te che prima o poi ti epura.

Prima il direttorio, poi i probiviri: il M5s diventa sempre più un partito?
E pensare che la mia richiesta di un momento di approfondimento venne bollato come congresso da vecchia politica. Comunque, non spetta più a me sottolineare queste cose. Spero solo che la gente impari a ragionare con la propria testa. Anche se nel M5s tutto è diventato una questione di fede. In nome di questa anche la coerenza ai principi passa in secondo piano.

I Cinque stelle che dovevano svegliare le coscienze finiscono per addormentarle, secondo lei?
E’ un dato di fatto che quando questo Movimento è nato l’analisi critica anche di se stessi era un valore aggiunto. E non si correva il rischio di epurazioni.

La vicenda firme false ha investito pure la sua Regione. A Bologna però il pentastellato Massimo Bugani ha parlato di una possibile trappola rivolta a lui.
Basta gridare ai complotti. Nessuno vuole tendere trappole a Bugani ma perché non è nessuno. Soprattutto dopo aver perso per due volte le elezioni in una città che aveva festeggiato i primi grandi risultati del Movimento. Ma io ormai sono fuori da quelle dinamiche.

Eppure dal Campidoglio un tecnico è venuto a scuola di differenziata proprio a Parma.
Ci ha fatto doppiamente piacere: non solo perché Roberto Cavallo è un esperto di rifiuti al quale ci eravamo ispirati già in campagna elettorale, ma anche perché dalla Capitale è venuto qui da noi a vedere come si realizzano concretamente le idee. Al di là degli slogan. Mi ha fatto sorridere solo la reazione scomposta di Roma che ha derubricato la visita a un’iniziativa personale di cui, tra l’altro, non era a conoscenza.

Twitter: @vermeer_

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA