Poco spazio di Manovra. I dubbi dei tecnici sulla legge di Stabilità: “L’abolizione della Tasi limita i Comuni”. Ma occorre chiarire pure il gettito atteso dal canone Rai

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una legge di Stabilità piena di dubbi anche secondo i tecnici di Camera e Senato del servizio Bilancio. Nel dossier si legge che “L’aumento della dotazione del fondo di solidarietà comunale in sostituzione del gettito Tasi per le prime case, e di quello Imu per i terreni agricoli, previsto della legge di Stabilità, limita la possibilità di manovra dei Comuni”. Si tratta, secondo i tecnici, di una misura che può determinare un irrigidimento dei bilanci comunali in quanto limita la possibilità di manovra dei Comuni a valere sulle proprie entrate a scapito della voce maggiormente rigida e fissa del fondo in esame.

Ma i dubbi sollevati sono molti. E, infatti, i tecnici chiedono verifiche sull’entità del gettito atteso dall’introduzione del canone Rai in bolletta. Una misura che, secondo il governo, dovrebbe agevolare la lotta all’evasione fiscale.  Risulta da chiarire anche “la formulazione della misura nella parte in cui attribuisce le quote delle entrate del canone di abbonamento già destinate dalla legislazione vigente a specifiche finalità sulla base dell’ammontare delle predette somme iscritte nel bilancio di previsione per l’anno 2016″. I tecnici richiedono tali verifiche anche per escludere che, eventuali minori entrate, vadano ad influire su esercizi futuri.