Politici trombati, internet usa e getta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Cecilia Moretti

Dopo tanto cinguettare, il silenzio si fa sentire. Slogan, pensieri in libertà, affondi polemici, sentenze apodittiche, ricette per il Paese rigorosamente in140 caratteri hanno scandito i giorni della campagna elettorale. E leader politici e aspiranti tali, di ogni partito e coalizione, si sono esercitati nella sintesi e nella socialità 2.0, tra faccine sorridenti, punti esclamativi, ammiccamenti più o meno riusciti verso il pubblico “giovane”.
Passato il momento di gloria pre-urne, però, i profili twitter di tanti politici e i loro siti personali sono stati praticamente abbandonati, i pluriquotidiani messaggi interrotti. E senza un saluto o un pensiero consolatorio per i follower e lettori smarriti.
Mario Monti, per esempio, ha esaurito la vena creativa, lasciando dal 27 febbraio @SenatoreMonti senza più niente da twittare. Casini ha dimenticato l’uso del tablet e il suo @Pierferdinando è rimasto senza parole. Gianfranco Fini non ne parliamo, dopo un ultimo messaggio di incoraggiamento e riconoscenza ai suoi militanti, è silenziato dal 21 del mese scorso. Italo Bocchino e Antonio Ingroia non si sono ammutoliti, ma hanno decisamente diluito i cinguettii.
Sarà un silenzio da riposo post fatiche elettorali. Forse c’entra con lo stordimento attonito di fronte a un quadro politico di non facile definizione, probabilmente ha a che vedere con la delusione senza parole per un risultato che non soddisfa. A essere, però, un po’ maliziosi, derubrica anche la tanto esibita attitudine social di molti candidati a una trovata come un’altra per convincere elettori, poco sentita e molto pianificata.
Avvalora questa ipotesi il cinguettare di chi, invece, spera, evidentemente, di poter ancora riscuotere qualcosa in termini di ruoli o incarichi. In questi giorni, infatti, moltiplicano sforzi, commenti e pensieri declinati in esternazioni 2.0 due dei tecnici uscenti più citati dai retroscena dei giornali come possibili riserve della Repubblica o risorse sblocca-stallo. Sono Fabrizio Barca e Corrado Passera, entrambi presentissimi nelle ultime ore, soprattutto con la rivendicazione della loro opera svolta come ministri del governo Monti. Chissà che a loro il comunicare via twitter non porti un po’ più fortuna.