Polvere di Cinque Stelle

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Esplode la rivolta nel Movimento 5 Stelle. I deputati Sebastiano Barbanti e Tancredi Turco ignorano il diktat di Grillo e Casalleggio di non andare in televisione e partecipano in collegamento ad Agorà su Raitre. I due deputati, anzi, hanno sottolineato l’importanza di andare in tv in un momento di difficoltà come questo del Movimento. “Grillo non può essere l’unico megafono”, il grido di protesta. La partecipazione al talk della Rai arriva il giorno seguente alla partecipazione di Walter Rizzetto ad Omnibus su La7, fatto che aveva sollevato un vespaio di polemiche. Crescono quindi gli interrogativi nel mondo pentastellato e il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, torna sulla cresta dell’onda nella sua guida alla protesta: “È il caso di interrogarsi in modo serio una volta per tutte. Dopo le Europee avevamo detto di fare autocritica, ma poi non è stato così. Ora serve un percorso condiviso”. E sul blog di Grillo è apparso subito dopo un post critico verso Pizzarotti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA