Il Ponte sullo Stretto Sì e le case antisismiche No. Tozzi: “Unirà due cimiteri in caso di terremoto. Solo il 25% della popolazione di Reggio e Messina risiede in abitazioni adeguate”

MARIO TOZZI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Costruire il ponte sullo stretto antisismico con denaro pubblico significa scegliere di unire due cimiteri in caso di terremoto, visto che solo il 25% della popolazione di RC e ME risiede in case adeguate. E non è questione di se, ma di quando”. Parola del geologo Mario Tozzi che in un tweet boccia l’ipotesi di costruire il Ponte sullo Stretto di Messina, tema al centro del dibattito politico in questi giorni (leggi l’articolo).

Già in passato Tozzi aveva fermamente criticato il progetto per la costruzione di un ponte per unire la Calabria alla Sicilia. Nel 2011, in un articolo su National Geographic, il geologo e conduttore televisivo aveva definito l’opera inutile, dannosa e diseducativa individuando una decina di problemi tecnici.

Leggi anche: La Carfagna come Salvini, vuole il Ponte sullo Stretto. Per la ministra è una grande opportunità. “Sono opere che cambiano un Paese, ma serve un accordo politico forte”.