Popolare di Vicenza bocciata. Bloccata la quotazione in Borsa: “Non ci sono i presupposti”. Batosta per il Fondo Atlante intervenuto a coprire l’aumento di capitale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Porte chiuse per la Popolare di Vicenza. Borsa italiana non ne ha approvato la quotazione a Piazza Affari. Con una nota è stato precisato che “non sussistono i presupposti per garantire il regolare funzionamento del mercato”. L’esordio in Borsa sarebbe dovuto esserci mercoledì 4 maggio. Ma l’aumento di capitale a 1,75 miliardi di euro non si è concluso nel migliore dei modi visto che ci sono state adesioni minime tra i sottoscrittori. Nel comunicato di Borsa italiana si legge che “il provvedimento di ammissione delle azioni della banca del 20 aprile 2016 è da considerarsi decaduto”. Adesso con il venir meno della quotazioni in Borsa decade pure l’offerta pubblica delle azioni. Al fondo Atlante andrà il 100% dell’aumento di capitale da 1,5 miliardi e il fondo deterrà il 99,33% del capitale dell’istituto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le destre a pezzi nei Comuni

In autostrada nei giorni da bollino rosso c’è meno traffico rispetto al via vai dei sondaggi sulle prossime amministrative. Nel mazzo c’è anche roba di dubbia provenienza, a uso e consumo dei candidati che commissionano (e pagano) le indagini. D’altra parte, un po’ d’ottimismo fa

Continua »
TV E MEDIA