Portale delle famiglie Inps: cos’è e a cosa serve?

Portale delle famiglie Inps
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Portale delle famiglie Inps: il nuovo servizio digitale è partito ed è già al servizio dei genitori e dei nuclei familiari. Diverse sono le funzioni già attive ed altre in corso di aggiornamento.

Portale delle famiglie Inps: cos’è

L’INPS ha attivato il Portale delle Famiglie, la piattaforma integrata della genitorialità, che costituisce uno dei progetti finalizzati alla realizzazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Si tratta di una piattaforma digitale che ha come obiettivo quello di agevolare i genitori che accedono a prestazioni a tutela dei nuclei familiari.

Tramite il Portale INPS delle Famiglie i beneficiari delle prestazioni possono visualizzare, dopo accesso con SPID, le informazioni sulle prestazioni erogate o in corso di erogazione, lo stato di lavorazione delle domande, gli eventuali pagamenti, le informazioni relative ai figli minori e il valore del proprio ISEE, se questo è presente.

A cosa serve e quali sono i servizi previsti

Sul sito dell’Inps vengono riportate le funzionalità attuali del portale ma anche dei prossimi aggiornamenti:

“Il Portale delle Famiglie fornisce informazioni e servizi integrati, con l’intento di agevolare il genitore nell’interazione con l’Istituto relativamente alle prestazioni erogate a sostegno dei nuclei familiari. Integra le prestazioni riguardanti il bonus asilo nido, l’Assegno temporaneo per i figli minori, l’assegno di natalità (Bonus Bebè), il bonus baby-sitting e i centri estivi.

Tramite il Portale delle Famiglie è possibile visualizzare le informazioni sulle prestazioni erogate o in corso di erogazione, lo stato di lavorazione delle domande, gli eventuali pagamenti, le informazioni relative ai figli minori e il valore del proprio ISEE , se presente.

Il messaggio 18 marzo 2022, n. 1263 illustra le funzionalità già disponibili e quelle che saranno sviluppate con i prossimi rilasci informatici, quando la consultazione sarà estesa anche alle altre prestazioni gestite dall’Istituto, con particolare riferimento all’Assegno unico e universale per i figli a carico”.

Leggi anche: Assegno unico aprile 2022, quando arriva il pagamento?