Poste si privatizza per ripianare i debiti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

“L’orientamento del governo è procedere alla privatizzazione di Poste  italiane entro 5-6 mesi mantenendone il controllo e con una quota riservata ai dipendenti”. Lo ha affermato il vice ministro per lo Sviluppo Economico, Antonio Catricalà, in audizione alla commissione Trasporti della Camera. “La privatizzazione – ha aggiunto Catricalà – fornirà una provvista di risorse utili per ridurre la nostra posizione debitoria, alimentando il fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato, e sara’ strumento di incentivo per una maggior efficienza e l’ampliamento dei servizi e dell’offerta che una grande azienda come Poste Italiane deve assicurare”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA