Primi effetti del Coronavirus. Salvini ha trovato un nuovo cavallo di battaglia. Chiede al Governo di riferire sui rischi. Ma è solo una scusa per tornare a parlare di sbarchi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Tutti nel mondo fanno qualcosa, vorremo avere rassicurazioni, che si sta controllando chiunque anche in Italia per evitare il contagio. Tutto il resto viene dopo. In Italia invece sembra che non sia cambiato nulla, il resto della polemica politica viene molto dopo”. E’ quanto ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando del coronavirus cinese.

“Al di là delle polemiche politiche – ha aggiunto l’ex ministro -, c’è tutto il mondo che si sta occupando e preoccupando del virus che dalla Cina si sta diffondendo, quindi chiediamo con urgenza che qualcuno a nome del Governo venga in aula a rassicurare gli italiani sul fatto che si sta facendo tutto il possibile per evitare che il virus si diffonda anche da noi”.

Salvini è tornato sull’argomento anche con un tweet in cui associa i recenti sbarchi di migranti con l’epidemia del virus cinese: “Vi sembra normale che nel resto del mondo chiudano frontiere, blocchino voli e mettano in quarantena chi arriva dalla Cina mentre in Italia spalancano i porti?”.