Processo “rimborsopoli” 52 condanne. Ci sono anche l’ex igienista dentale del Cavaliere Nicole Minetti, Renzo Bossi e l’attuale capogruppo della Lega al Senato Romeo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il tribunale di Milano ha condannato 52 dei 57 imputati nel processo sulla cosiddetta “rimborsopoli” alla Regione Lombardia. Si tratta, in gran parte, di ex consiglieri ed ex assessori. Tra loro anche Renzo Bossi (2 anni e 6 mesi), figlio del fondatore della Lega, Umberto, l’ex igienista dentale di Silvio Berlusconi, all’epoca dei fatti anch’essa consigliere regionale tra le fila di Forza Italia, finita anche nella bufera del caso Ruby, Nicole Minetti (un anno e 8 mesi), Massimiliano Romeo (un anno e 8 mesi), attuale capogruppo della Lega in Senato, e Angelo Ciocca (un anno e 6 mesi), attuale eurodeputato del Carroccio, per entrambi la pena è sospesa con non menzione. Il Tribunale di MIlano ha condannato anche Stefano Maullu, oggi europarlamentare di Forza Italia (condannato a una pena di 1 anno e 6 mesi), Alessandro Colucci, deputato del gruppo misto (2 anni e 2 mesi). La pena più alta, 4 anni e 8 mesi, è stata inflitta all’ex capogruppo della Lega in Regione, Stefano Galli.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA