Pubblicità e utili straordinari. Mediaset torna a far soldi. Molto positivo il primo semestre: +226 milioni. E il Biscione si guarda attorno in Europa

MEDIASET
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A fine seduta ha girato in negativo, complice la giornata pesante sui mercati, ma ieri Mediaset era arrivata a guadagnare più del 3% grazie ai conti migliori delle attese. Sorprendenti i ricavi netti consolidati nel primo semestre di 1.387,2 milioni rispetto ai 1.166,4 milioni dello stesso periodo del 2020.

Così il Gruppo guidato da Piersilvio Berlusconi riporta un utile di 226,7 milioni rispetto alla perdita di 18,9 milioni dei primi sei mesi dell’anno scorso. Un dato generato anche dalla plusvalenza ricavata della partecipata EI Towers e dai dividendi di ProsiebenSat1. In ogni caso, pure senza considerare questi proventi, il risultato netto 2021 di Mediaset si conferma superiore a quello 2019.

ANTENNE ALZATE. Ma che futuro ha davanti Mediaset, che diventa di fatto olandese? Per la raccolta pubblicitaria in Italia il General Manager Marketing di Publitalia Matteo Cardani ha stimato che nei primi nove mesi del 2021 questa sarà superiore dell’1% circa rispetto allo stesso periodo del 2019, ossia nel periodo pre-pandemia. Positivo in particolare l’andamento dei mesi estivi, e c’è fiducia nel quarto trimestre in virtù della nuova offerta di eventi calcistici trasmessi dalle reti del gruppo. Ma c’è anche uno scenario più vasto, relativo al posizionamento europeo.

Rispondendo agli analisti il Cfo Marco Giordani ha detto di credere pienamente nel consolidamento, “ma non possiamo essere sicuri se saremo consolidatori o consolidati: lo dirà il mercato”. Giordani ha chiarito che il Gruppo cercherà comunque di diventare più grande possibile per garantire agli azionisti il massimo valore.