Putin firma la legge che gli consentirà di rimanere presidente fino al 2036

Vladimir Putin
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato la legge che gli consente di presentarsi nuovamente alle elezioni per altri due mandati. Lo riporta l’agenzia Tass. La legge, varata dopo gli emendamenti alla Costituzione confermati con il referendum del 2020, stabilisce un limite ai mandati presidenziali, ma si applica anche al presidente in carica, senza tenere conto dei mandati già espletati. In questo modo, Putin potrebbe rimanere in carica fino al 2036.

Putin firma la legge che gli consentirà di rimanere presidente fino al 2036

La legge, modificata con il referendum costituzionale, vieta a un presidente russo di rimanere in carica per più di due mandati. Tuttavia questo non si applica a chiunque abbia ricoperto la presidenza prima dell’entrata in vigore dei relativi emendamenti alla costituzione (in altre parole, prima del 2020). Pertanto il presidente Vladimir Putin e l’ex presidente Dmitry Medvedev possono candidarsi alla presidenza per altre due volte.

I deputati della Duma di Stato Pavel Krasheninnikov e Olga Savastyanova sono stati insieme al senatore Andrej Klishas i promotori di questa legge. Lo stesso Putin interverrà con un discorso all’Assemblea federale il 21 aprile. Lo ha annunciato oggi il portavoce del Cremlino, Dimitrj Peskov. “Preciseremo il luogo, in quanto il luogo del discorso è ancora oggetto di definizione. Ci sono diverse opzioni”, ha spiegato Peskov. “Tradizionalmente non annunciamo alcun contenuto o specifiche questioni che saranno affrontate nel messaggio”, ha aggiunto il portavoce.

Leggi anche: Mario Turrisi: l’avvocato di 45 anni ricoverato al Policlinico di Messina in gravi condizioni dopo il vaccino AstraZeneca