Il quadro peggiora, ma niente allarmi. Rezza: “Ridurre il rischio è molto importante. Terza dose prima di 6 mesi da valutare”

terza dose Rezza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Quelli che ad oggi non hanno raggiunto sei mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario sono soprattutto persone giovani. Accorciare questo intervallo non avrebbe effetti negativi e potrebbe dare qualche possibilità in più di accelerare la campagna vaccinale, è quindi un elemento da valutare con una certa attenzione”. È quanto ha detto nel corso della consueta conferenza stampa (qui il video) il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza.

“Senza fare alcun allarmismo – ha aggiunto Rezza -, perché non mi sembra il caso, questa però è una situazione che ci mostra una tendenza a un certo peggioramento anche se stiamo ben al di sotto dei valori che si registrano in altri paesi dell’Europa centrale e orientale”.

“Ribadiamo che non parliamo mai in termini di riduzione assoluta del rischio – ha aggiunto Rezza -, anche se vaccinati. Se uno strumento non riduce del 100% ma del 90% dobbiamo essere contenti e non critici. Ridurre il rischio a livello della popolazione è molto importante. Abbiamo visto effettivamente che gli orientali avevano ragione, la mascherina è uno strumento potente, così come il distanziamento”.

“Non sono del tutto d’accordo con l’Organizzazione mondiale della sanità sulla terza dose – ha poi aggiunto il direttore della Prevenzione del ministero della Salute – e sullo studio di Lancet, tuttavia io stesso avevo parlato di altruismo interessato per fare in modo che tutti abbiano accesso ai vaccini, l’accesso globale è nel nostro interesse”.

“Non si può però dire che le persone fragili non abbiano necessità della dose di richiamo – ha detto ancora Rezza -, bisogna invece garantire l’accesso ai fragili e alle popolazioni a basso reddito, le due cose non vanno in contrapposizione. Possiamo garantire dosi booster alla nostra popolazione e allo stesso tempo possiamo, anzi dobbiamo, favorire l’accesso globale ai vaccini”.

Leggi anche: Le Regioni non mollano. Sì alle restrizioni ma solo ai non vaccinati. Per ora Draghi esclude altre misure. Intanto la vicina Austria chiude tutto per venti giorni e rende obbligatorio il vaccino da febbraio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA