Quantitative easing prolungato fino a marzo 2017. E il presidente della Bce, Mario Draghi, annuncia anche il taglio dei tassi sui depositi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quantitative easing fino a marzo 2017. La decisione tanto attesa del presidente Bce, Mario Draghi, è arrivata. Il programma di acquisto titoli dell’Eurotower è stato ampliato dopo una “valutazione generale dei fattori che limitano il ritorno dell’inflazione al target del 2 per cento”. Per questo motivo la Bce ha deciso di prolungare il programma di aiuti da settembre 2016 a marzo 2017. “Non siamo intervenuti sul tasso di rifinanziamento principale”, ha spiegato Draghi, “perché quello sui depositi è diventato il tasso che guida i mercati e quindi un intervento su quest’ultimo avrebbe avuto conseguenze positive”.

Il Consiglio Direttivo ha deciso “di reinvestire i pagamenti sui titoli acquistati nell’ambito del programma di acquisti alla loro scadenza, per il tempo necessario”. La Bce, inoltre, “includerà negli acquisti del Qe anche titoli regionali e locali. Abbiamo deciso”, ha spiegato Draghi, “di includere nel programma di acquisto del settore pubblico strumenti di debito denominati in euro emessi da amministrazioni regionali e locali dell’area dell’euro nella lista delle attività idonee per gli acquisti regolari da parte delle rispettive banche centrali nazionali”. Sulla decisione non c’è stata unanimità ma una maggioranza molto ampia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA