Quasi diecimila infermieri hanno risposto all’appello della Protezione civile. In 500 andranno nelle zone più colpite. Molte adesioni dal Sud

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“L’Italia ha un cuore grande. Ne sono orgoglioso. Si è appena chiuso il bando della Protezione Civile per 500 infermieri disposti a lavorare sul campo per combattere il nuovo Coronavirus. Hanno partecipato 9.448 donne e uomini, di ogni età e di ogni regione. Grazie. Insieme ce la faremo”. E’ quanto ha scritto, ieri sera, su Facebook, il ministro della Salute, Roberto Speranza, a proposito dell’appello lanciato dalla Protezione civile per reclutare 500 infermieri volontari per le zone più colpite dall’emergenza Coronavirus. “Un’altra grande dimostrazione di solidarietà. Grazie di cuore. Anche gli infermieri – ha detto, invece, il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia -, dopo aver effettuato il tampone, partiranno verso gli ospedali delle zone in situazioni più critiche. Grazie anche alle regioni di appartenenza per la grande generosità nell’autorizzarli in tempo reale, a partire dal Lazio da cui sono arrivate 1.395 richieste. Ancora una conferma dal Sud per il grande numero di adesioni”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA