Quota 100 meno cara del previsto. Ma serve una riforma vera

Quota 100, la misura introdotta dal Governo Conte I, ha aperto le porte della pensione a quasi 380mila lavoratori in tre anni.

Ha coinvolto meno persone di quanto ci si attendeva, ma è anche costata molto meno del previsto. Quota 100, la misura introdotta dal Governo Conte I per compensare parte dei sacrifici fatti con la Legge Fornero e accelerare il ricambio generazionale tra gli occupati nel Paese, ha aperto le porte della pensione a quasi 380mila lavoratori in tre anni, al costo effettivo di 23,2 miliardi, cioè dieci meno di quanto stimato nel decreto 4/2019.

Quota 100 meno cara del previsto. Ma serve una riforma vera

Quota 100 ha coinvolto meno persone di quanto ci si attendeva

Il calcolo arriva da uno studio di Inps e Upb che sottolinea comunque come l’importo speso sia più basso di soli 5 miliardi rispetto alle attese se si tiene conto dei definanziamenti decisi solo pochi mesi dopo nell’ambito della Nadef 2019 e nella legge di bilancio per il 2020. Secondo lo studio, nel complesso e considerando anche le persone che hanno maturato i requisiti entro il 2021 e che possono ancora fare domanda, si potrà arrivare a fine 2025 a 450mila pensionati con la misura.

I dati e il risparmio ottenuto rispetto alle stime hanno subito acceso il dibattito. La Cgil ha sottolineato come si sia trattato di un intervento marginale mentre serve una riforma strutturale della Legge Fornero. “I 10 miliardi di euro risparmiati su Quota 100 consentono di continuare a introdurre una flessibilità di accesso più diffusa al pensionamento nella prossima Legge di Bilancio”, ha commentato il segretario confederale della Uil, Domenico Proietti, chiedendo l’avvio di un tavolo per una riforma. Una riforma “non più procrastinabile”, secondo la Cisl, per cui serve una diversa flessibilità di accesso al pensionamento a partire dalle esigenze dei giovani e delle donne.

La ricerca fa uno spaccato dell’uso di Quota 100. Su 379.860 domande di pensione accolte – si legge nello studio – 186.298 sono di lavoratori dipendenti privati, 119.320 di dipendenti pubblici e 74.242 di autonomi con una percentuale sugli occupati nel pubblico dell’1,3% a fronte dello 0,4% del settore privato.

Gli uomini sono il 68,8% del totale e le donne il 31,2%, meno di un terzo a causa soprattutto delle carriere più discontinue. In media gli autonomi ricevono 1.376 euro lordi al mese, i dipendenti privati 2.088 euro e i dipendenti pubblici 2.161 euro. Le differenze tra dipendenti e autonomi riflettono redditi da lavoro mediamente più bassi e le aliquote contributive inferiori di questi ultimi. La media complessiva dell’assegno mensile lordo è di 1.971 euro (1.829 le donne, 2.035 gli uomini).

I lavoratori usciti con Quota 100 hanno avuto una riduzione media per ogni anno di anticipo del 5,2% se pubblici, del 3,8% se dipendenti privati e del 4,5% se autonomi rispetto all’uscita in pensione anticipata con 42 anni e 10 mesi di contributi (41 e 10 mesi le donne). L’anticipo di Quota 100 rispetto all’età di vecchiaia o alla pensione anticipata con 42 anni e 10 mesi di contributi (41 e 10 per le donne) è in media di 2,3 anni.

Quasi la metà della platea è uscita con 62 anni di età mentre l’età media alla decorrenza si attesta poco al di sopra di 63 anni. L’anzianità contributiva media con la quale si esce è pari a 39,8 anni per gli uomini e 39,2 per le donne, per una media complessiva di 39,6 anni di contributi.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram