La Capitale abbraccia Raffaella Carrà. L’ultimo saluto della Rai alla regina della Tv e il lungo corteo per le vie di Roma. Oggi e domani la camera ardente al Capidoglio

Raffaella Carrà
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Da via Nemea, Roma nord, casa sua per quarant’anni, al Campidoglio dove è stata accolta dalla sindaca Virginia Raggi e dove dalle 18 di questa sera è stata aperta la camera ardente nella Sala Protomotica: un corteo funebre accompagnato da lunghi applausi e profonda comunione quello per Raffaela Carrà, che ha attraversato Roma. Prima tappa l’Auditorium del Foro Italico, dove si svolgeva il suo fortunato programma tv Carramba che sorpresa. I colleghi della Rai hanno proposto che la struttura venga intitolata proprio a lei, e ad aspettarla la collega Milly Carlucci che qui conduce il programma tv Ballando con le Stelle: “possiamo raccogliere da lei il senso del lavoro e la capacità di fare squadra, ce l’aveva nel Dna e ce lo ha insegnato. Era la donna del sorriso, il suo modo di fare spettacolo era teso a creare emozione… ho il rimpianto di non averla avuta come ballerina a Ballando con le Stelle”. Ad accompagnare il feretro di Raffaella il regista e compagno di vita per 17 anni, Sergio Japino, ed un lunghissimo applauso delle persone che la stavano aspettando.

La seconda tappa del corteo funebre di Raffaella Carrà è stata via Teulada 66, sede degli Studi Rai dei suoi esordi e dei tempi fortunatissimi del programma Pronto Raffaella. Ad attendere il feretro una grande folla ed il giornalista Bruno Vespa che ha sottolineato come “la sua caratteristica era la piena umanità e non la ricordo mai senza un sorriso. E’ stata una grande soubrette ed una grande conduttrice”. Con lui anche Giancarlo Magalli, autore tv di Raffaella insieme a Gianni Boncompagni, che ha ricordato come “le davi il copione e dopo un minuto era padrona della situazione e lo dimostrava”. Terza tappa del corteo, seguito in diretta dallo Speciale Tg1 condotto dalla giornalista Emma D’Aquino, è il Teatro delle Vittorie, dove la Carrà ha lavorato in Milleluci, Canzonissima e con l’ultimo programma tv A raccontare comincia tu.

Ad attenderla, insieme alle maestranze e alle persone che al Teatro delle Vittorie lavorano, anche tanti cittadini che le hanno dato un ultimo saluto, e Flavio Insinna, attore e conduttore che qui sta lavorando: “Siamo qua – ha detto – per continuare a ringraziare un talento straordinario di una signora in scena che se n’è andata senza fare rumore, è andata via con il suo stile, con la stessa classe che ci ha regalato in scena”. Tra l’applauso dei dipendenti Rai e delle tante persone che si sono fermate a salutarla, la quarta tappa del corteo è stata viale Mazzini, sede Rai. Fabrizio Salini, amministratore delegato dell’azienda, ha ricordato come “oltre al talento ha messo in campo dedizione, lavoro, fatica, grandissimo professionismo: era un’artista unica che ha saputo parlare ad intere generazioni. Raffaella Carrà è stata questa e ci piace ricordarla con il sorriso che per lei era vitale… è stata un modello ed un punto di riferimento, questi valori che esprimeva sono i valori della Rai”.

Anche il direttore di Rai 1, Stefano Coletta, emozionato e commosso, l’ha ricordata come “un condensato di vera allegria e vera vitalità. Era puntualissima, ed ha portato in tv l’allegria, non aveva orpelli ed ha vissuto in una libertà etica molto profonda”. Si è unito al cordoglio Marcello Foa, presidente della Rai, in collegamento telefonico con Rai 1, parlando di “una tristezza e una commozione profonde e trasversali durante questo corteo funebre: Carrà sapeva essere un simbolo, è stata autentica, grandissima fino all’ultimo minuto la nostra Raffaella; ha fatto quasi tutta la sua carriera con la Rai, non c’era possibilità di tramonto professionale” ha ricordato Foa. Venerdì mattina alle ore 12 i funerali nella chiesa di Santa Maria all’Ara Coeli.