La ragazza di 18 anni con trombosi del seno cavernoso dopo il vaccino AstraZeneca

vaccino astrazeneca stop categorie richiamo prima dose
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si trova ancora in condizioni molto gravi ma stabili la ragazza di 18 anni di Sestri Levante (Genova) ricoverata nella rianimazione del policlinico San Martino di Genova. La 18enne ha una diagnosi di trombosi al seno cavernoso dopo che si era vaccinata il 25 maggio partecipando all’open day con Astrazeneca.

La ragazza di 18 anni con trombosi del seno cavernoso dopo il vaccino AstraZeneca

I medici hanno sottoposto la ragazza a un intervento di neuroradiologia per rimuovere meccanicamente il trombo. Successivamente era intervenuta l’equipe neurochirurgica per un intervento volto a allentare la pressione intracranica derivante dall’emorragia. Intanto la notte scorsa la donna di 34 anni di Savona, ricoverata ieri sera dopo aver accusato un forte mal di testa sul posto di lavoro, “è stata sottoposta a fibrinolisi di alcuni trombi presenti nella parte venosa del circolo epatico con buoni risultati. Attualmente la paziente è ricoverata in terapia Intensiva in respiro spontaneo. È in terapia anticoagulante. I medici l’hanno sottoposta a precauzionali indagini angiografiche del circolo cerebrale. Permanendo la situazione di basso livello ematico di piastrine nel sangue, la paziente necessita di monitoraggio presso la Terapia Intensiva”, fa sapere il policlinico.

La donna di 34 anni vaccinata lo scorso 27 maggio con la prima dose di Astrazeneca è ricoverata presso l’Ospedale Policlinico San Martino di Genova. “La donna, savonese, mentre si trovava al lavoro nel Tigullio ha avvertito un forte mal di testa e si è recata autonomamente presso l’Ospedale Policlinico San Martino”, spiega la nota. Dai primi esami effettuati in Pronto soccorso è emerso un livello basso di piastrine nel sangue. La donna ha riferito di aver ricevuto il vaccino ad Alassio (Savona) il 27 maggio scorso con la prima dose di Astrazeneca.

Secondo quanto riferito dagli specialisti del Policlinico San Martino, “la paziente è cosciente, perfettamente collaborante e non presenta sintomatologia associabile ad una trombosi. Per verificare la causa del basso livello di piastrine nel sangue i medici hanno avviato la terapia e ulteriori esami”.

Leggi anche: 9 giugno 2021: il bollettino sul coronavirus in Italia oggi