Raggi chiede di riaprire la discarica di Albano. “Il problema dei rifiuti ha un nome: Nicola Zingaretti. In otto anni non ha programmato un impianto”

VIRGINIA RAGGI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Oggi in quest’aula certifichiamo nuovamente il fallimento della Regione Lazio e del presidente Nicola Zingaretti sui rifiuti. Se vogliamo dire che sia colpa del Campidoglio ce lo possiamo anche raccontare se vogliamo stare più tranquilli. Il problema dei rifiuti ha un nome: Regione Lazio, a guida Nicola Zingaretti. In 8 anni non ha programmato un impianto”. E’ quanto ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, intervenendo nel corso dell’Assemblea Capitolina sulla crisi di raccolta e smaltimento rifiuti nella Capitale.

“Abbiamo le soluzioni sul medio e lungo periodo – ha spiegato ancora la sindaca di Roma parlando di rifiuti -, mancano quelle sul breve. Per questo, come misura emergenziale, ho chiesto di aprire la discarica di Albano. Abbiamo un piano di risanamento e investimento per Ama Spa per 340 milioni di euro. Questa situazione di fragilità apre alla criminalità”.

“Zingaretti è incapace di assumersi delle responsabilità – ha aggiunto la Raggi – questa è una costante che ci porta ad una precarietà che poi al primo problema sconfina nell’emergenza. Abbiamo solo due discariche nel Lazio, e quella di Civitavecchia sarà chiusa a breve, 21 in Lombardia, zero a Milano. Se dopo la chiusura della discarica di Civitavecchia vogliamo fare un’altra assemblea straordinaria prenoto già l’aula”.

Leggi anche: Rifiuti, Raggi: “Io non mollo. Vado avanti e lotto a mani nude per difendere la mia città. Si deve impedire ai clan di condizionare il processo politico e democratico”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA