Recovery Fund, Di Maio: “Spendere per imprese, lavoro e riforma fiscale. Dobbiamo essere ambiziosi per superare criticità mai vissute dal dopoguerra”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Credo che il Recovery fund rappresenti il fatto che l’Italia si sia fatta rispettare in Europa”. E’ quanto ha detto ad Agorà il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. Per Di Maio questa “è una fase importantissima perché sono in giorni in cui ci stiamo confrontando con la Commissione europea” per i progetti. “Siccome siamo quelli che prenderanno più soldi – ha spiegato l’esponente dell’Esecutivo -, tutti gli altri paesi vorranno sapere bene come li spenderemo. Penso che nei prossimi mesi dovremo stare attentissimi anche a quali saranno i soggetti attuatori, perché se non facciamo squadra rischiamo che i soldi vadano nella direzione sbagliata e non ce li danno. Dove li dobbiamo spendere? Imprese, lavoro, riforma fiscale”, ha spiegato illustrando gli obiettivi. Secondo il ministro, “i danni sono stati ingenti e noi dobbiamo essere ambiziosi perché dobbiamo superare criticità che l’Italia non ha mi vissuto dal dopoguerra ad oggi”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA