Così il Recovery plan rivoluzionerà l’istruzione. Per la presidente della Commissione Cultura, Casa: “Senza risorse sul capitale umano non c’è domani”

Recovery Plan Casa
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quello dell’istruzione sarà un ruolo “cardine, centrale, decisivo” all’interno del Recovery Plan che, non a caso, “prevede per istruzione e ricerca ingenti risorse”. L’onorevole Vittoria Casa, parlamentare M5S e presidente della Commissione Cultura è chiara sul punto: “Senza adeguate risorse sul capitale umano, non esiste futuro possibile”.

Di quanti soldi parliamo?
Alla missione 4, “Istruzione e Ricerca”, sono assegnati 30,88 miliardi di euro, dei quali 19,44 per il potenziamento dei servizi di istruzione dagli asili alle università e 11,44 per la ricerca e i legami con l’impresa. Tuttavia è un numero di base, a crescere, perché nel piano sono previste anche altre risorse complementari. Esistono infatti varie “dimensioni trasversali” del Recovery plan che toccano nel vivo i problemi dell’educazione, dell’istruzione e della formazione, e che contribuiscono a far affluire indirettamente altre risorse. Penso innanzitutto al problema dell’infanzia: l’intervento sulla fascia 0-6 anni sarà consistente, così come quello su povertà educativa e abbandono scolastico. Sono sicura poi che avranno un peso decisivo anche gli investimenti previsti per digitalizzazione, sport, pari opportunità generazionali e di genere, inclusione e coesione.

Perché è fondamentale l’Istruzione Tecnica Superiore?
Basta guardare i dati sull’istruzione terziaria professionalizzante per capirlo. Negli ultimi 6 anni, la percentuale degli occupati sugli iscritti agli Istituti Tecnici Superiori è stata di circa l’80%. Il PNRR prevede investimenti per 1 miliardo e mezzo di euro. L’obiettivo è aumentare del 100% gli iscritti (fino a 18.750) e di raggiungere i 5.250 diplomati all’anno. Nel frattempo, in commissione Cultura stiamo discutendo una riforma che riorganizza tali istituti. Un pezzo importante del futuro del Paese passa per gli ITS.

In Commissione si è raggiunto un accordo anche su un importante testo sull’università. A cosa può portare?
Sì, da poco abbiamo approvato un testo unificato che riguarda il reclutamento e lo stato giuridico di dottori, ricercatori e assegnisti. Anche in questo caso si tratta di dare una scossa a un settore che sarà centrale nel prossimo futuro. Sappiamo che questa parte del mondo universitario è ormai costituita da precari storici. Dobbiamo dare risposte a loro e anche ai tanti giovani che vogliono fare carriera nella ricerca. E per farlo, è necessario rompere la consuetudine tutta italiana dell’accademico che si laurea, fa ricerca e diventa professore nello stesso ateneo. Questo succede solo in Italia ed è fondamentale che l’università volti pagina.

Il Recovery plan prevede importanti fondi nei prossimi 5 anni. Quali sono le sfide che ci attendono?
Mi occupo di scuola da decenni. È ovvio che il PNRR rappresenti davvero molto ma non possa essere l’alfa e l’omega di quello che va fatto nell’ambito dell’istruzione. Direi di più: forse è il contrario, è lo stesso Recovery plan che deve la sua possibile riuscita al successo dei programmi di apprendimento e alla crescita di nuove competenze. Perché senza formazione, senza innovazione, senza transizione culturale, non esistono transizioni verdi e digitali possibili, non esiste inclusione sociale e occupabilità. Oggi scuola, università e ricerca sono la radice di tutto.