Reddito di cittadinanza, il ministero del Lavoro dispone accertamenti sulla Saraceni. L’ex Br condannata per l’omicidio D’Antona percepisce il contributo mensile ma è ai domiciliari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La vicenda del reddito di cittadinanza percepito dall’ex brigatista, Federica Saraceni, condannata a 21 anni e 6 mesi di carcere per l’omicidio di Massimo D’Antona e attualmente ai domiciliari, “è oggetto di verifica da parte dei competenti uffici del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero della Giustizia e l’Inps, al fine di accertare l’eventuale presenza di anomalie”. E’ quanto ha fatto sapere lo stesso Ministero del Lavoro.

La Saraceni è ai domiciliari dal 2005 e da agosto riceve 623 euro, nonostante tra i requisiti per ottenere il reddito di cittadinanza ci sia quello di non essere sottoposti a “misura cautelare personale” o essere stati condannati in via definitiva nei dieci anni precedenti la richiesta per reati gravissimi.

“Ho provato un grande senso di ingiustizia. Non sempre quello che è legale è giusto” ha commentato a Radio Capital Olga D’Antona, la moglie del giuslavorista ucciso dalle Brigate Rosse nel 1999. “L’ingiustizia non la subisco io, ma – ha aggiunto – la subiscono tutti i cittadini. La norma va rivista. E’ giusto che il reddito sia concesso a chi ha esaurito la propria condanna e si è ravveduto, ma non è questo il caso. E poi lei ha alle spalle una famiglia che può sostenerla e che ha sempre dimostrato di volerla sostenere. E ora, che c’è anche il Pd, mi aspetto – ha concluso la vedevo D’Antona – che il governo faccia qualcosa”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA