Reddito di cittadinanza, Tridico stima 1,3 milioni di domande entro l’anno e risparmi per 1 miliardo. Oltre 300mila card già consegnate

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Al primo mese le domande per il Reddito di cittadinanza erano 800 mila. Si arriverà a 1,3 milioni, ci arriveremo entro l’anno. C’è un tasso di rifiuto del 20-25% ma ci sarà un risparmio di 800 milioni, al massimo 1 miliardo”. E’ quanto ha detto il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico.”Il Rei – ha aggiunto il numero uno dell’Istituto di previdenza – nei primi due mesi in vigore raggiunse tra le 82 e 85 mila domande; il reddito di cittadinanza un milione e si aspettano altre 3-400 mila domande”.

“Siamo gli ultimi in Europa – ha detto ancora Tridico – ad aver attuato un provvedimento importante per la povertà, che è un problema complesso anche se l’abbiamo studiata per primi. Lo stato deve essere generoso con i poveri. Un terzo dei poveri beneficiari del reddito saranno attivabili è potranno dare un contributo, si innescherà un circolo positivo che potrebbe dare uno slancio a persone oggi completamente inattive”.

Secondo i dati dell’Inps, Campania, Sicilia, Lazio, Lombardia e poi Puglia, Piemonte e Calabria, sono le regioni in testa per domande per il Reddito di cittadinanza. “La povertà – ha aggiunto il presidente dell’Inps – è diffusa su tutto il territorio nazionale. Nelle periferie delle grandi città si annida molta povertà. I poveri al sud hanno spesso una casa, a Milano no. Al sud le domande per il Reddito di cittadinanza sono state pari al 53%”. Per quota cento, l’Inps ha ricevuto 123 mila domande nel primo trimestre, Tridico ha spiegato che “è presto per fare dei conti io ritengo si arrivi a 290 mila domande, che e’ quanto previsto per il primo anno”.

“Assumeremo 6.000 persone all’Inps tra quest’anno e il prossimo – ha detto ancora il numero uno dell’Inps -, necessarie perché Inps aveva dato molto per la spending, troppo, secondo me. C’è una ripresa, è un istituto efficiente. Si prevedono poi 3.000 assunzioni di navigator già a giugno queste persone potrebbero attivare programmi di ricerca del lavoro. Sono previsti complessivamente 6.000 navigator in poco tempo, 3.000 dell’Anpal, Agenzia nazionale politiche attive del lavoro e 3.000 in capo alle Regioni”.

“I poveri – ha spiegato Pasquale Tridico – si fa anche fatica a rintracciarli. Nel peggiore dei casi i poveri non sanno cosa è l’Isee o il Caf. L’Inps farà un progetto, ‘L’Inps per tutti’, scendendo tra la gente con gazebo, nelle piazze e nelle mense, come a Roma Termini. Stiamo facendo accordi con i comuni, dove i senzatetto, con residenze fittizie, possono essere registrati. L’Inps riceverà le domande evitando ai poveri la barriera architettonica burocratica. Oltre 300 mila card sono già nelle mani di chi deve possederle”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA