Reggio Calabria, simbolo antimafia nel mirino. Ancora intimidazioni a Tiberio Bentivoglio. Bruciato il suo negozio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nuova intimidazione per il testimone di giustizia Tiberio Bentivoglio, imprenditore reggino noto per la sua battaglia ultraventennale contro il racket, già sotto scorta. Nella notte di domenica, un incendio di vaste proporzioni ha completamente distrutto il deposito della sua “Sanitaria Sant’Elia”, negozio di articoli per gravidanza e prima infanzia, che da anni continua a tenere aperto nonostante le minacce dei clan. L’allarme è scattato attorno alle 23.30 di ieri, ma nonostante l’immediato intervento dei vigili del fuoco, le fiamme hanno completamente divorato l’intero contenuto dei due locali. Nessun dubbio sulla natura dell’incendio. Quando le fiamme sono state domate, la Scientifica ha trovato fra le macerie ancora fumanti i resti di una tanica.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA