Per Renzi i 5 Stelle sono finiti, ma l’unica moribonda è Italia Viva. Dall’alto del suo 2% Matteo sparla ogni giorno del Movimento. Invidia?

giuseppe conte matteo renzi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Matteo Renzi sembra uno di quei personaggi toscani da commedia all’italiana che ne sparano grosse con l’accento maremmano. È più forte di lui, non sa resistere. Ecco quindi che ieri se ne esce all’Aria che tira su La 7 con un’altra delle sue: “Penso che il M5S sia finito”.

Per Renzi i 5Stelle sono finiti, ma l’unica moribonda è Italia Viva

E poi ancora su Giuseppe Conte: “Capire se Conte ha un futuro politico o no, se lo voteranno, è uno dei temi che mi interessa meno in assoluto”. Insomma Renzi che non esiste più politicamente – Italia Viva è si e no al 2% – grazie ad una serie di corbellerie (eufemismo) che è riuscito ad inanellare a partire dal referendum sulla riforma costituzionale per giungere alla caduta del governo Conte, si permette di dire al principale partito in Parlamento che è finito. Siamo al bullismo.

Poi l’attacco all’ex premier che lui ha voluto far fuori a tutti i costi perdendo il ruolo di ago della bilancia che aveva nel suo governo. Assomiglia un po’ a quei mariti che si tagliano gli attributi per far dispetto alla moglie. Senza contare che tra guai giudiziari e sprofondamento nei sondaggi Renzi dovrà trovarsi un lavoro una volta finito il mandato e non è detto che riesca tramite i soliti intrallazzi a diventare un pezzo grosso della Nato, carica per cui sbava da anni. Questo perché, anche all’estero hanno cominciato a capire che Renzi di destra, molto di più di Berlusconi e forse di Salvini.

Dall’alto del suo 2% Matteo spara ogni giorno sul Movimento. Invidia?

È una quinta colonna opportunistica che è riuscito a insediarsi a sinistra. È lui infatti che ha abolito l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori, smantellando le residue tutele di chi lavora. Negli Usa Renzi sarebbe un Repubblicano ed è perfettamente inutile che posti sui social le sue foto con Obama nella vana speranza di rifarsi una verginità ormai sacrificata all’altare del potere. Renzi che accusa i Cinque Stelle di populismo è poi il massimo. Il primo populista della storia patria è stato proprio lui quando per fare carriera si inventò “rottamatore” del suo spesso partito.

E che cos’è la rottamazione se non il più vieto populismo? Con questa tattica fece fuori D’Alema, Bersani, Fassino e Veltroni salvo poi dare del “populista”, come insulto, agli altri. Subito accorse in un suo aiuto, aiutando al volo il vincitore -per citare Ennio Flaiano- un’altra piccola rottamatrice che ha avuto sorte migliore: Debora Serracchiani ancora in voga nel partito. Renzi, dopo le note vicende arabe e di incontri con le barbe finte, sta diventando inquietante per la democrazia. Forse il Capo dello Stato, che per condivisibile aplomb istituzionale si tiene lontano, dovrebbe intervenire.