Titolo di coda per Matteo. Renzi darà le dimissioni, l’annuncio in conferenza stampa a Palazzo Chigi. La parola a Mattarella

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Matteo Renzi darà le dimissioni da presidente del Consiglio. Dopo la sconfitta al referendum sulle riforme ha annunciato la sua decisione nella conferenza stampa a Palazzo Chigi. “Ho fatto veramente tutto il possibile. L’esperienza del mio Governo finisce qui. Non si può far finta di niente. Domani pomeriggio riunirò in consiglio dei ministri, salirò al Quirinale per consegnare le mie dimissioni. Il Paese può contare su una guida autorevole come il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella“, ha affermato Renzi. “Consegnerò la campanella al mio successore, accogliendolo con un sorriso”, ha aggiunto il premier dimissionario che ha voluto ringraziare la moglie Agnese e i figli. Nessun cenno, invece, sul ruolo da segretario del Partito democratico.

“È stata un festa della democrazia. Tanti cittadini si sono avvicinati alla Carta costituzionale, al manuale delle regole del gioco. Sono fiero e orgoglioso del fatto che ha dato ai cittadini la possibilità di scegliere”, ha comunque detto Renzi, in merito all’affluenza. “I leader del fronte del No dovranno fare proposte serie e credibili, a cominciare dalla legge elettorale. Ci abbiamo provato, non ce l’abbiamo fatta. Abbiamo ottenuto milioni di voti: sono impressionanti, ma non sono sufficienti”, ha sottolineato. Il segretario del Partito democratico si è assunto tutte le responsabilità del caso: “Ho perso io, non gli amici del Sì. Siate soddisfatti dell’impegno. Dovete essere fieri di voi stessi. Si può perdere il referendum, ma non si deve perdere il buon umore. Io sono diverso: dico che sono io che non sono riuscito a portarvi alla vittoria”.

L’annuncio su Twitter della conferenza stampa

LEGGI QUI I DATI SULL’AFFLUENZA