Renzi vede rosa. Il Pil di quest’anno sale a +0,9%. E spunta un tesoretto di 16 miliardi di nuova flessibilità sui conti. Economia reale e Bruxelles permettendo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

 

Il Governo non ha dubbi: l’economia italiana si è rimessa in moto. Dunque possono essere riviste le stime del nostro Pil per quest’anno che nel nuovo Def salgono dal +0,7% previsto a +0,9%. Il premier con il ministro del Tesoro Pier Carlo Padoan hanno anche stimato il rapporto tra deficit e Pil al 2,6% nel 2015 e al 2,2% nel 2016. Anche per questo il Governo si attende ora tra i 12,5 e i 16 miliardi di flessibilità sui conti. Un tesoretto con il quale finanziare la prossima legge di stabilità senza ricorrere a nuove tasse.   Tra le altre entrate previste nel Def c’è lo slittamento del pareggio di bilancio al 2018, un impatto di uno 0,4% da privatizzazioni e 0,5% nel 2016.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA