Ricambio d’aria: quanto è importante per la prevenzione di Covid-19 e a scuola

ricambio d'aria covid prevenzionericambio d'aria covid prevenzione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Oggi l’Istituto Superiore di Sanità in un tweet ricorda l’importanza del ricambio d’aria negli ambienti per la prevenzione di Covid-19. Si tratta di una tematica importante soprattutto in ambienti chiusi frequentati da tante persone come le scuole o gli uffici. Qualche tempo fa sempre l’Iss aveva pubblicato un’analisi da cui si evinceva che, nei luoghi chiusi, la ventilazione è fondamentale per ridurre la trasmissione del coronavirus.

Ricambio d’aria: quanto è importante per la prevenzione di Covid-19 e a scuola

Spiegava all’epoca Gaetano Settimo del Dipartimento Ambiente e Salute: “Negli ambienti domestici abbiamo una scarsa attenzione ai ricambi dell’aria e questo può rappresentare un elemento di criticità per la diffusione delle particelle virali di Sars-Cov-2”. Gianni Rezza, il direttore della Prevenzione del Ministero della Salute, precisava: “Il ricambio dell’aria è molto importante: se c’è, diminuiscono le probabilità di diffusione dell’infezione da Sars-Cov-2. È assolutamente importante non fare ristagnare l’aria”. La spiegazione dell’importanza del ricambio d’aria è semplice: le droplets, le famose goccioline emesse da una persona infetta, hanno un diametro superiore a cento micron. Per la gravità, dopo che sono state emesse, cadono a terra.

Ma Sars-CoV-2, come tutti i virus respiratori, si trasmette anche con goccioline molto più piccole, con un diametro minore di cento micron (aerosol). Questo significa che non cadono a terra, ma restano sospese in aria esattamente come il fumo di sigaretta. Almeno per un’ora, dunque abbastanza a lungo per essere inalate anche se siamo distanti dall’infetto. A meno che il ricambio d’aria non “pulisca” tutto. In un documento pubblicato sul suo sito l’Iss riepiloga i consigli per gli ambienti chiusi. Al primo posto c’è proprio il ricambio d’aria. Ovvero bisogna:

  • garantire un buon ricambio d’aria in tutti gli ambienti: casa, uffici, strutture sanitarie, farmacie, parafarmacie, banche, poste, supermercati, mezzi di trasporto;
  • aprire regolarmente le finestre scegliendo quelle più distanti dalle strade trafficate;
  • non aprire le finestre durante le ore di punta del traffico e non lasciarle aperte la notte;
  • ottimizzare l’apertura in funzione delle attività svolte.

Sempre a proposito del ricambio d’aria negli ambienti l’Iss consiglia anche di pulire regolarmente le prese e le griglie di ventilazione dell’aria dei condizionatori con un panno inumidito con acqua e sapone oppure con alcol etilico 75%.

Il ricambio dell’aria nelle scuole e negli uffici

Negli uffici e nei luoghi pubblici invece gli impianti di ventilazione meccanica controllata (VMC) devono essere tenuti accesi e in buono stato di funzionamento. È necessario anche tenere sotto controllo i parametri microclimatici (temperatura, umidità relativa, CO2). Negli impianti di ventilazione meccanica controllata (VMC) bisogna eliminare totalmente il ricircolo dell’aria. E poi pulire regolarmente i filtri e acquisire informazioni sul tipo di pacco filtrante installato sull’impianto di condizionamento ed eventualmente sostituirlo con un pacco filtrante più efficiente.

Il problema dell’areazione degli edifici scolastici è stato posto più volte e da più parti. Secondo l’Anp “siamo alle libere interpretazioni”. “Tra Covid o freddo – evidenziava il presidente dell’Associazione Nazionale Presidi Antonello Giannelli alcune settimane fa -, meglio il male minore, stare cioè in classe col cappotto”. A tal proposito è intervenuto il ministero dell’Istruzione con una Faq, fornendo indicazioni specifiche per il settore scolastico, tra cui sanificazione periodica delle suppellettili e degli arredi, uso della mascherina, costante areazione dei locali e igiene delle mani degli alunni e del personale nel corso della giornata di attività, e appunto la possibilità di portare i cappotti in classe.

Leggi anche: Quando serve l’autocertificazione dal 3 al 30 aprile, come si compila il modulo e perché dichiarare il falso non è reato (ma si rischia la multa)

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le destre a pezzi nei Comuni

In autostrada nei giorni da bollino rosso c’è meno traffico rispetto al via vai dei sondaggi sulle prossime amministrative. Nel mazzo c’è anche roba di dubbia provenienza, a uso e consumo dei candidati che commissionano (e pagano) le indagini. D’altra parte, un po’ d’ottimismo fa

Continua »
TV E MEDIA