Riforma appalti, ascoltare le pmi. Cna Costruzioni chiede di semplificare e ridurre gli obblighi che impediscono a molte imprese di accedere alle gare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La riforma degli appalti, che è in discussione in Aula alla Camera, non va fatta contro le micro, le piccole e le medie imprese. A sostenerlo è il presidente nazionale di Cna Costruzioni, Rinaldo Incerpi, al termine di un incontro pubblico a Montecatini Terme con il viceministro dei Trasporti, Riccardo Nencini, il capo dipartimento affari legislativi di Palazzo Chigi, Antonella Manzione e il direttore generale per la regolazione dei contratti pubblici al Mit, Bernardette Vega.

SPAZIO AL MERCATO
Le pmi di settore – ha spiegato Incerpi – saranno dunque consultate per portare il loro contributo alla realizzazione del nuovo sistema. “Il testo del ddl è in generale positivo – ha spiegato il presidente dell’associazione artigiana – perché facilita l’accesso agli appalti delle Pmi, incentivando la suddivisione dei lotti e regolamentando i subappalti”.

PIÙ FLESSIBILTÀ NEI CONTRATTI
“Va sottolineato – ha precisato Incerpi – che per quanto riguarda i lavori pubblici è stato eliminato l’obbligo per le imprese di applicare il contratto collettivo più favorevole ai dipendenti, anche se non è quello legittimamente sottoscritto dalle parti di riferimento. Chiediamo, però, che quest’obbligo vada eliminato anche per il settore dei servizi. Sollecitiamo Governo e Parlamento, infine, a migliorare il ddl in materia di avvalamento e di sistema di qualificazione delle imprese e a superare la garanzia globale di esecuzione per i lavori pubblici, che non esiste in nessun Paese della Ue”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA