Riforma Senato, il Carroccio ritira i milioni di emendamenti. Il voto finale in Aula fissato a martedì 13 ottobre

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Trovato l’accordo all’interno del Partito democratico è stata svelata anche la data per il voto finale dell’aula sul ddl riforme. Che ora sembra una mera formalità. Martedì 13 ottobre è la data buona per l’ok definitivo al ddl come annunciato dal presidente del Senato, Pietro Grasso. Martedì prossimo, invece, ci sarà l’illustrazione degli emendamenti e poi da mercoledì si inizierà a votare come stabilito dalla conferenza dei capigruppo al Senato sul ddl Boschi.

PASSO INDIETRO SUGLI EMENDAMENTI
Il senatore della Lega Roberto Calderoli ha fatto sapere di essere disposto ad un consistente ritiro degli emendamenti presentati. Sono più di 80 milioni quelli relativi agli articoli 1 e 2 della riforma. Per fortuna non tutti cartacei visto che li ha presentati su un supporto elettronico. Anche Sel ha fatto sapere di essere pronta a ritirare gli oltre 60mila emendamenti presentati.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA