Roma, è il giorno del lutto cittadino per la morte assurda del piccolo Marco nell’ascensore del metrò. L’ultimo saluto al Tempietto egizio del cimitero del Verano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il giorno del lutto a Roma per la morte assurda del piccolo Marco nella tromba dell’ascensore della metropolitana alla fermata di Furio Camillo. Fiori bianchi lasciati dagli alunni della mamma sulla piccola bara, abbracci e lacrime durante l’ultimo saluto in una cerimonia laica in forma strettamente privata che si è svolta al tempietto egizio del cimitero del Verano. Presenti molti ragazzi che frequentano la scuola dove insegna Francesca, la madre del bambino, ma anche colleghi del papà Giovanni, parenti e amici. Durante il rito ha preso la parola il sindaco Ignazio Marino, che ha portato “l’abbraccio di tutta la città” e il parroco del quartiere in cui abita la famiglia per alcune preghiere. Al termine della cerimonia c’è stata la tumulazione all’interno del cimitero monumentale, accanto al tempietto egizio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le destre a pezzi nei Comuni

In autostrada nei giorni da bollino rosso c’è meno traffico rispetto al via vai dei sondaggi sulle prossime amministrative. Nel mazzo c’è anche roba di dubbia provenienza, a uso e consumo dei candidati che commissionano (e pagano) le indagini. D’altra parte, un po’ d’ottimismo fa

Continua »
TV E MEDIA