Roma, il clima si accende. La Polizia blinda il corteo Eurostop e blocca i manifestanti senza alcuna ragione. Poi arretra

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Poco dopo le 15 è partito il corteo Eurostop, il corteo più numeroso e quello che più preoccupa questura di Roma e forze dell’ordine. Il corteo è partito da piazza Porta San Paolo e ha attraversato il quartiere Testaccio senza nessun problema di ordine pubblico: una manifestazione (5mila in tutto, il corteo più numeroso tra i quattro organizzati oggi a Roma) assolutamente pacifica.

Poi però a piazza Bocca della Verità la Polizia ha effettuato un blocco inaspettato e senza alcuna ragione per non fare arrivare la seconda parte del corteo nella piazza dove era prevista la conclusione della manifestazione (manifestazione, peraltro, autorizzata). Attimi di tensione, con i manifestanti e le forze dell’ordine a fronteggiarsi, ma senza nessun tipo di scontro. Alla fine la Polizia ha deciso di arretrare, dopo aver però evidentemente surriscaldato il clima.

Verso le 17,30 anche la seconda parte del corte, quella che era stata bloccata, ha raggiunto la testa della manifestazione a Bocca della Verità. La Polizia si è schierata per difendere via della Greca, che apre le porte al Circo Massimo. Si sono susseguiti minuti pesanti, durante i quali la tensione era più che palpabile, con cori continui dei manifestanti contro le forze dell’ordine. Alla fine, però, i manifestanti sfilano senza altre provocazioni.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA